I cookie aiutano il sito web grottadellejanare.it a fornire servizi di qualità. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo.

clicca sul pulsante chiudi in basso per continuare accettando i cookies.

Utenti online

Abbiamo 6 visitatori e nessun utente online

Il ponte e le “Coste delle janàre”

Il ponte e le “Coste delle janàre”

Il ponte e le “Coste delle janàre”

 

Ma se ad essere noto è soprattutto il mitico noce beneventano, intorno al quale, avvenivano i sabba notturni, esiste anche un altro suggestivo luogo consacrato alle streghe sannite: il ponte delle janàre, collocato tra Guardia Sanframondi, San Lupo e San Lorenzo Maggiore e costruito sull’omonimo torrente. Nel corso dei secoli, l’acqua ha scavato una profonda fenditura nelle rocce creando suggestive grotte. Le due sponde molto scoscese sono dette “Coste delle janàre” ed è proprio qui che sorge l’azienda vinicola.

La leggenda narra che, una volta, tutte le janàre della zona si riunivano là,  sotto questo ponte in cui si apre un profondo dirupo. Andando ancora più a ritroso nel tempo, racconti popolari raccontano che, tanto tempo fa, un marito ed una moglie adottarono una bambina nata dall’unione amorosa tra un diavolo e una strega, che divenuta ragazzina faceva la pastorella nel bosco. Un giorno, ella attirò l’attenzione di un uomo che arrivava dalla limitrofa zona di Limata. La fanciulla, che era solita bagnarsi  nelle acque del torrente fiume, mostrando la sua bellezza attirò l’uomo il quale, tuttavia, rifiutò con la  forza. Il vecchio nobile,  indignato, decise di vendicarsi, andando a raccontare nel paese che aveva visto quella ragazza praticare arti magiche e azioni peccaminose col diavolo. La gente s’impressionò, si spaventò e affogò l’innocente ragazza nell’acqua mentre pascolava vicino al fiume. Non riuscirono a recuperare il corpo morto della donna perché il vortice la risucchiò. Da quel giorno, tutti quanti iniziarono a raccontare che ogni tanto il fantasma dell’affascinante ragazza  compariva sopra la roccia del ponte e poi scompariva. Un nipote di quel nobile di Limata, sentì questa storia e volle accertarsi della sua veridicità. Egli si nascose dietro un masso e dinanzi i suoi occhi comparve lei. S’innamorò subito e mentre cercava di toccarla, cadde nel fiume e non fu più trovato. Si narra che parecchie persone scomparivano in quel fosso, incantate dalla struggente bellezza di quella giovane.

Date

01 Aprile 2015

Categories

janara, territorio